Papà, non so come iniziare questa lettera. Oggi voglio raccontarvi quello che il mio cuore sente, ma io sono molto triste che non sei più tra noi.

Non sopporto le voglie pazze per abbracciarti e dirti quanto ti amo . Fa male davvero la tua assenza , chiudo gli occhi e immagino che tu sei qui con noi.

Immagino che con i vostri nipoti raccontando loro quanto li amate, sto ancora aspettando che tutto sia un sogno, ma non ho perché non posso abbracciarti e dirti in faccia quanto ti amo.

Mi manchi papà, i tuoi abbracci, i tuoi consigli perdere tutti voi.

Mi mancano le visite quinto, conversazioni, dico le ferite guariscono, ma la mia non guariva mai.

Mi conforta pensare che vi sia piaciuto ogni momento della vita, sono orgoglioso di dire che io sono tua figlia, le persone che si conoscevano dicono "Era un grande uomo" e io dico "Era mio padre"

Don Alfonso Alarcon era Samano.

Margarita Alarcon

Noi ringraziamo Margarita per questo bel ricordo di suo padre.